Ortodonzia bambino

Ortodonzia bambino

L’ortodonzia del bambino, oltre a proporsi gli stessi obiettivi terapeutici dell’ortodonzia dell’adulto, ha il compito di prevenire i disallineamenti dentali e di prevenire e correggere le alterazioni di crescita scheletrica del mascellare superiore e della mandibola.

Tra le affezioni scheletriche più frequenti nel bambino troviamo la contrazione del mascellare superiore e l’iposviluppo della mandibola.

Nell’anamnesi dei bambini portatori di queste patologie si rileva spesso il protrarsi di abitudini succhianti e la presenza di ricorrenti patologie respiratorie, all’esame obbiettivo appaiono atteggiamenti succhianti e a bocca aperta.
I trattamenti delle disarmonie scheletriche del bambino sono veri e propri interventi di ortopedia dento-mascellare, eseguiti a seconda del caso con apparecchi ortodontici fissi o mobili. Ambedue capaci di liberare forze meccaniche proprie, o di esercitare azione di stimolo e di riequilibrio delle naturali forze biologiche e degli spazi biofisici che presiedono, secondo l’accreditata teoria della matrice funzionale di Moss, alla corretta crescita dento-mascellare.

Nel bambino l’ortodontista può prevenire il formarsi della malocclusione o il suo aggravamento. Ciò si ottiene trattando i disturbi funzionali della muscolatura periorale (immagini dell’atteggiamento disfunzionale della muscolatura periorale da succhiamento del dito), oppure intercettando precocemente le alterazioni di crescita scheletrica e di postura mandibolare, i deficit di spazio per i denti permanenti in eruzione e i disallineamenti dei denti permanenti già erotti.

A che età è consigliabile una visita ortodontica? 

Consigliamo di effettuarla dai 4 ai 6 anni, quando tutti i denti da latte sono ancora presenti in bocca. Questo con lo scopo di “intercettare“ eventuali disarmonie dentali e/o scheletriche che, se non corrette in fase di crescita, difficilmente possono essere risolte più tardi. E’ dunque importante visitare il bambino precocemente per verificare se esiste una buona armonia tra le componenti anatomiche e dentali.

Quando è molto importante intervenire con un trattamento ortodontico precoce?

  • Per controllare e correggere le abitudini viziate quali :
    succhiamento del dito, interposizione della lingua, respirazione orale (collaborando con la logopedia) etc. Questi vizi contribuiscono infatti a modificare negativamente la crescita e la permuta dei denti.
  • Per espandere il palato nei casi di morso crociato.
  • Per correggere la posizione nel caso di incisivi superiori sporgenti che più facilmente subiscono traumi.

I controlli periodici semestrali sono fondamentali durante il periodo di crescita per assicurarsi che lo sviluppo dei denti e delle strutture facciali proseguano in modo corretto.

Durante i controlli periodici si segue inoltre la sostituzione dei denti da latte e si valuta l’eventuale necessità di mantenere o ricreare lo spazio per i denti definitivi